Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech

Un archivio integrato del lavoro minerario

 

 

 

Riprendo il sogno inizialmente concepito da molti altri studiosi, tecnici e amministratori: la realizzazione di un grande Archivio di concentrazione sulla cultura e sulla storia mineraria ossia una "raccolta di archivi", ciascuno con la sua evoluzione e le sue caratteristiche. Uno dei modelli a cui ispirarsi può essere il Centre Historique Minier di Leward.

Questo Archivio di archivi, con eventualmente annesso il museo del lavoro minerario, potrebbe avere ricadute notevoli sul territorio in termini di turismo culturale, scolastico, universitario.

 
Dagli archivi la storia della Scuola mineraria (2018)

 

La materia prima sono gli archivi minerari che, qui in Sardegna, e soprattutto nell'Iglesiente, sono già individuati e parzialmente costituiti. Solo ad Iglesias parliamo di:

 

  • Archivio Storico minerario IGEA (enorme e solo parzialmente riordinato e fruibile) [1];
  • Archivio ex Distretto minerario della Sardegna con sede ad Iglesias [2 pdf];
  • Archivio della Società Monteponi/Montevecchio e della miniera di Arenas custoditi nell'Archivio Storico Comunale di Iglesias (riordinati e fruibili) [3];
  • Archivio Associazione Mineraria Sarda [4];
  • Archivio Istituto Minerario di Iglesias [5].

 

Virtualmente, se non proprio fisicamente, si potrebbero unire tutti gli altri fondi archivistici presenti, ad esempio a Guspini, Montevecchio, Lula, Villasalto etc.

 
Archivio storico minerario di Monteponi (2013)

 

A Monteponi sono presenti molti edifici abbandonati, e non.

Il grande peso della documentazione prevede strutture sfruttabili come depositi solo al piano terra, per cui le strutture di accoglienza e convegnistica si realizzerebbero ai piani superiori. Tutta la miniera di Monteponi potrebbe divenire un enorme archivio/museo appoggiandosi, oltre che all'Archivio Storico minerario IGEA presso gli ex-magazzini (che ne costituirebbe il nucleo centrale essendo esso stesso già archivio di concentrazione), anche ad altre strutture ora operanti: quella del Museo Laboratorio Scuole di miniera (con sede nella ex scuola elementare), quella della ex Foresteria con l'affresco di Aligi Sassu, ora sede del Centro di Diffusione della Cultura Speleologica e della Biblioteca "Franco Todde", o ancora "Pozzo Sella" e la palazzina "Bella Vista" sede dell''AUSI;

Sarebbe necessario avere personale qualificato e specializzato che, sotto il coordinamento di un unico responsabile, porti avanti soprattutto i tre settori fondamentali di una struttura di questo tipo:

 
Il complesso industriale di Monteponi, Iglesias (2019)

 

Back office, ossia tutti i lavori di predisposizione del materiale, dalla spolveratura all'eventuale restauro, dalla schedatura al riordino alla redazione dei cosiddetti strumenti di corredo (ossia inventari archivistici), compresa anche la ricerca ed eventuale acquisizione di fondi archivistici minerari dispersi ancora per il territorio isolano.

Valorizzazione, ossia contatti con altre realtà analoghe a livello europeo ed extra-europeo per la realizzazione di mostre, convegni, manifestazioni varie a tema minerario. Contatti con le Università per collaborazioni e studi di approfondimento (elaborazione tesi, istituzioni di corsi appositi per diversi indirizzi di studio).

Attività didattiche e turistiche, ossia laboratori didattici con scuole di ogni ordine e grado ed organizzazione di percorsi documentari e virtuali alla scoperta della realtà storica del nostro passato minerario in stretto collegamento con il turismo minerario della nostra zona.

Dagli Archivi alla Storia della comunità (2013)

 

Se venisse realizzato un progetto articolato e preciso, che tenga conto di tutte le variabili in gioco, si potrebbe presentare una richiesta di finanziamento europeo.

Si può lavorare su due fronti: degli edifici da recuperare, come già fatto in passato per gli ex magazzini ora Archivio IGEA, e sul fronte delle collaborazioni fra archivi esistenti.

Molte delle attività previste dovrebbero realizzarsi anche tramite tecnologie informatiche e virtuali.

 

Leggi della stessa autrice

   Ingiustizie: ieri e oggi a cura di Daniela Aretino

 

Leggi anche

   Il museo civico che non c'è a cura di Mauro Ennas

   Ferrovie turistiche iglesienti a cura di Renato Tocco

    La biblioteca come necessità a cura di Mauro Ennas

 

Daniela Aretino

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  

 

Daniela Aretino Dessì

(Iglesias, classe 1971)

1989  Maturità scientifica presso il Liceo "G. Asproni" di Iglesias;  2003 Laurea in Lettere presso l'Università degli studi di Cagliari;  1993-1995 Diploma di Archivista Paleografa e Diplomatica presso l'Archivio di Stato a Cagliari; 2019 Inserimento negli elenchi nazionali in qualità di "Archivista" di prima fascia; dal 1995 Archivista Paleografa con oltre 25 anni di esperienza sul campo, principalmente  presso l'Archivio storico del comune di Iglesias; aggiornamento continuo anche tramite i corsi dell'Associazione Nazionale Archivistica Italiana; madre, moglie, appassionata  studiosa di Storia e di divulgazione culturale, partecipo a seminari e presentazioni come relatrice e volontaria culturale.

 

Commenti  

+9 #1 Mauro Ennas 2020-10-02 10:42
Un sentito ringraziamento a Daniela Aretino, che tra i suoi numerosi impegni è riuscita a trovare il tempo per partecipare al blog collettivo iglesiente con un importante intervento. Grazie per la fiducia!
Citazione

Aggiungi commento

I commenti possono essere anonimi.
Se il nome è già presente cambia il nome finché ne trovi uno non presente.
Commenti brevi e circostanziati. Grazie!
Questo sito non raccoglie dati personali.
Se volete lasciate un riferimento volontario alla fine del testo (ad esempio nome completo e/o e-mail).
I messaggi poco significativi saranno rimossi.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech